Capitolo9 – L’umiltà è Vittoria (2)

V.R.R.13 (virus, tipologia di vincolo Rifiuto, codice Rosso) il suo antivirus è: Non avere timore dei “NO”

Questo virus è il proseguimento di quello precedente.

La paura che hai di solito quando vai davanti a qualcuno è quella del rifiuto, rifiuto che ti porta a fare una brutta figura.

Ti informo intanto che le tre più grandi paure dell’uomo sono: la morte, la malattia e la brutta figura.

Ci sono persone che pur di non fare una brutta figura non si espongono mai e rischiano cosi di non vivere affatto.

Io dico sempre che è meglio un rimorso, di un rimpianto.

Dico che è meglio dire “ho sbagliato ma almeno ci ho provato” che dire “se ci avessi provato sarebbe stato meglio”.

Mia nonna mi diceva sempre in toscano “cara Michela il tempo è galantomo e pertanto non fa preferenze”.

A cosa serve non osare?

A cosa serve non fare un qualcosa per paura di un qualcos’altro?

La paura è un sintomo che ci salva la vita a volte ma è anche il nostro freno più grande.

Osa, Osa, Osa perché se non lo fai hai già perso, perché hai rinunciato a partecipare al gioco della vita.

Un “NO” è sempre un “NO per ora”.

Stai tranquillo Osa perché sei tu il regista e sei tu che con il tuo atteggiamento e con il tuo prenderti cura eviterai questi tanto dolorosi “NO”.

Poi se proprio la vogliamo mettere venale, sappi che ci sono statistiche che su 10 persone prese a campione ce ne sono sicuramente una che dice “SI”, una che dice “NO” e 8 che dicono “ci devo pensare”.

Se sei bravo a non cadere nella trappola della mente e del V.R.R.13, il virus di cui stiamo parlando, ringrazia il “NO” ringrazia il “SI” e occupati delle 8 persone che ti hanno detto “NI”.

Ricordati di fare il test gratuito che troverai nel nella mia pagina FB Michela Frisoni cliccando sul tasto “TEST QSC” e se hai questo virus con contaminazione ad un valore superiore a 4,5 allora chiamami e ti darò gratuitamente un supporto di 15 minuti per farti comprendere in maniera personalizzata il da farsi per uscire da questo loop.

CONTINUA A LEGGERE »

One comment

Comments are closed.